);

Portoferraio: i forti di Cosmopoli

Portoferraio è il capoluogo dell’Elba, terza isola italiana per grandezza, interamente inclusa nella provincia di Livorno. E’ il principale porto per accedere agli otto comuni in cui è diviso il territorio dell’isola. La posizione della città, situata su un promontorio roccioso, a difesa del porto naturale, ne ha fatto da sempre un luogo privilegiato per l’importanza strategica e commerciale per la sicurezza del suo approdo. Giungendo dal mare è impossibile non scorgere una gran quantità di fortificazioni, costruite a partire dal 1548 per volere dei Medici.

La storia:

Il nuovo insediamento si sviluppo su dei territori vicini all’antico abitato di Fabricia, di origini romane, che i Medici acquistarono da Carlo V. Il luogo era conosciuto nel Medioevo come Ferraia in quanto scalo per i bastimenti che imbarcavano il ferro estratto nelle miniere dell’isola. 
Per assicurare al nuovo porto le necessarie difese dai pirati Barbareschi, nel 1557, preso pieno possesso della piazzaforte, Cosimo I de’ Medici affida a Giovanni Camerini e Giovanbattista Belluzzi la realizzazione di un imponente sistema difensivo: viene così fondata Cosmopoli.

Furono eretti Forte Falcone e Forte Stella sui rilievi del promontorio e il Forte della Linguella a difesa della darsena, tutti collegati da una cinta muraria bastionata. Il sistema difensivo fu ulteriormente potenziato con una serie di bastioni degradanti lato terra. Come d’uso, per favorire il popolamento del borgo, furono accordate agevolazioni a chi vi si stabiliva. Il nome Cosmopoli cadde presto in disuso a favore di Portoferraio, che si rifaceva al vecchio nome romano e alla tradizione del trasporto del ferro. Con l’accrescimento della popolazione il borgo acquista una certa rilevanza, fino a essere elevato a città. Dal 1637 al 1751 fu base della flotta granducale.
Successivamente, alla caduta dell’Impero francese, Portoferraio fu capitale di un piccolo regno assegnato a Napoleone come luogo di esilio dopo la sconfitta di Lipsia. L’ex imperatore vi soggiornò per dieci mesi, prima di fuggire per riprendere il potere in Francia.
Oggi Portoferraio, da avamposto Mediceo nel Mar Tirreno, è diventato il porto principale per far affluire i numerosi turisti che affollano l’isola d’Elba in estate.

Da vedere:

Ancora oggi sono ben visibili le costruzioni militari cinquecentesche che resero Portoferraio inespugnabile. Il Forte Stella oggi è occupato da edifici civili, ma le sue mura si stagliano ancora poderose sul promontorio. Anche Forte Falcone, più elevato, conserva ancora la struttura originaria.
Il Fronte di Terra, costruito dal Buontalenti a partire dal 1588, è parzialmente visitabile al pubblico. Il Forte della Linguella sulla darsena, con la caratteristica Torre del Martello, che sembra spuntare dalle acque, ospita oggi il Museo Archeologico.

Portoferraio, che spesso i distratti vacanzieri estivi vedono solo come un approdo per sbarcare sull’isola, meriterebbe una visita più approfondita anche solo per il complesso apparato difensivo voluto da Cosimo I de’ Medici. Alle strutture militari vanno ad aggiungersi le vestigia napoleoniche e le tracce di una storia bimillenaria, dai Romani fino a all’Unità d’Italia.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: